text-boulez - stefanantonreck

Go to content

Main menu:

______________________________________________________________________________________________
Text

[ DE ] [ EN ] [ FR ] [ IT ]

IL PIACERE DELL'INVENZIONE
Pierre Boulez


Trent’anni fa le discussioni fra i partigiani di un rigore assoluto e quelli che partecipavano a una grande sperimentazione erano tenaci, anzi aggressive, trovandosi sia l’uno che l’altro in disagio. Alla fine il problema fu ben lungi dall’essere risolto, così semplicemente o così categoricamente. Le seduzioni della frase mobile furono presto dimenticate in favore di categorie più semplici e malleabili; si attuarono strutture più complesse per definire forme dinamiche. La prima cosa che osserviamo è il piacere dell’invenzione, essenzialmente strumento di una rete comunicativa capace di ricreare un mondo complesso con tutte le sue contraddizioni. Trent’anni possono sembrare un tempo molto breve. In trent’anni le personalità dominanti sono diventate altre e pure la situazione sociale è cambiata. Certe ortodossie sono svanite, altre hanno preso il loro posto. Ecco perché dobbiamo prestare attenzione a ciò che passa sotto ai nostri occhi senza dimenticare l’indipendenza dell’invenzione, che resta il tesoro più sicuro contro una certa rigidità di condotta.
Mi rallegro di essere uno dei testimoni di questa evoluzione, che mostra con forza la pittura di Stefan Anton Reck.



Stefan Anton Reck. Pittura. Suono Gesto Segno
Iemme Edizioni, Napoli, 2014


TEXT

Pierre Boulez
| >>>
Vincenzo De Vivo
| >>>
Andrea Fasano
| >>>

Francesco Gallo Mazzeo | >>>
Alan Gilbert
| >>>

Caterina Ianni | >>>


PRESS

Nello Arionte| >>>

Mario Basile | >>>

Paola De Ciuceis | >>>
Mario Franco
| >>>

Marcello Palminteri (I) | >>>

Marcello Palminteri (II) | >>>
Giordano Mare Aldo Saulino | >>>

 
Back to content | Back to main menu